La Donna Straniera di Daniele Marassi – La Domenica Horror

Nuovo racconto horror per la nostra rubrica settimanale. Scarica e leggi il racconto gratuito e inviaci il tuo




La donna straniera

La Donna Straniera di Daniele Marassi è il nuovo racconto breve dell’orrore per la rubrica La Domenica Horror. Sarà possibile leggerne un estratto qui sotto, poi, scaricarlo gratuitamente in formato pdf.

Se vuoi pubblicare anche tu un racconto nella nostra speciale rubrica La Domenica Horror scrivici alla mail redazione@letteraturahorror.it proponendoci il tuo elaborato corredato da un’immagine. Oggetto della mail dovrà essere “La Domenica Horror”. Ogni domenica verrà pubblicata storia diversa!

LA DONNA STRANIERA DI DANIELE MARASSI

Quando avevo ventisette anni, mi trasferii in un appartamento nel rione di Giarizzole; nella semi-periferia di Trieste, in una via tranquilla a due passi dallo stadio “Nereo Rocco”.

L’immobile era situato al piano terra di un vecchio stabile che contava solo due piani e dalla finestra della mia camera scorgevo un fazzoletto di terra ben curato che faceva da giardino a una di quelle tipiche latterie dove, oltre al caffè fatto con la macchina e birre in bottiglia, si poteva acquistare un po’ di tutto, dal pane fresco al detersivo per piatti.

La prima volta che entrai in quel posto fu una sera di settembre, quando, rientrato dal lavoro, mi accorsi di non avere nulla da mangiare nella dispensa. Attratto da allegre risate che venivano dalla strada, buttai l’occhio fuori dalla finestra e mi stupii nel vedere le luci della latteria ancora accese (mancavano un paio di minuti alle ventidue e di solito chiudeva alle venti), la porta tenuta spalancata da un bidone dell’immondizia, lì fuori quattro o cinque clienti con la bottiglia di birra in mano e la sigaretta alla bocca. Nel giardino, seduti intorno a due lunghi tavoli in legno, di quelli che solitamente ci sono nelle sagre, una ventina uomini stipati come sardine uno affianco all’altro, mi diedero l’impressione che stessero festeggiando qualche evento.

Mi infilai e scarpe e uscii di corsa. SCARICA IL PDF E CONITNUA A LEGGERE "LA DONNA STRANIERA"



guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments