Le tre del mattino di Consalvo Romano – La Domenica Horror

Racconto horror per la rubrica La Domenica Horror




Le tre del mattino

Le tre del mattino di Consalvo Romano è il nuovo racconto per la rubrica “La Domenica Horror“. Sarà possibile leggerne un estratto qui sotto e, poi, scaricarlo gratuitamente in formato pdf.

Se vuoi pubblicare anche tu un racconto nella nostra speciale rubrica La Domenica Horror scrivici a    redazione@letteraturahorror.it proponendoci il tuo racconto corredato da un’immagine, oggetto della mail dovrà essere “La Domenica Horror”. Ogni domenica verrà pubblicato un racconto horror!



LE TRE DEL MATTINO

Mentre guardava il manoscritto sulla scrivania, ancora senza titolo, cercando di concentrarsi sulla storia da scrivere, il rumore dei passi, al piano di sopra, era diventato insopportabile tanto da procurargli una forte emicrania già durante le prime ore del mattino.
La sveglia sulla scrivania segnava le 08:00, e puntuale come un orologio svizzero, il via vai al piano di sopra era incominciato e sarebbe terminato a mezzogiorno. Poi un’ora di silenzio e il trambusto sarebbe ricominciato fino al calar del sole.
Ma che sarà mai tutto questo baccano! Esclamò Martin scuotendo la testa: viveva in quello stabile da 10 anni ma nonostante si sforzasse di ricordare il nome del proprietario dell’appartamento al quarto piano, ogni tentativo di ricordare il nome e il volto dell’inquilino del piano di sopra si esauriva in un nulla di fatto.
Scrollò le spalle. Poi si sedette alla scrivania per riflettere sul da farsi e incominciò a blaterare come un vecchio rimbambito. Si alzò in preda all’isteria e incominciò a girovagare per la casa con le braccia conserte, avanti e indietro per il corridoio fino alla camera da letto. Sbuffò più volte. Imprecò contro la malasorte. Scrollò ancora una volta le spalle.
Non può continuare così…, pensò in cuor suo.
Si sedette alla poltrona accanto al letto, incrociò le gambe, adirato… [SCARICA IL PDF E CONTINUA A LEGGERE IL RACCONTO]

 


guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments